Servizio Catastale ed Irriguo

Consulta il servizio catastale per agire sulle particelle possedute

Accedi »

Accesso alla intranet consorzio

Se sei un dipendente interno, accedi da qui ai servizi offerti dalla rete interna

Accedi »

Webmail & Posta Certificata

Accedi da qui alla gestione delle email personali e della posta certificata

Leggi Webmail     Leggi Pec

Area Riservata

Geografia del Territorio


Geografia del Territorio


Le Aree idrologicamente omogenee

Le aree idrologicamente omogenee che possono essere individuate per il Consorzio Ionio Catanzarese suddivise, ulteriormente, per bacini idrografici sono:
 

ZONA IONICA SETTENTRIONALE

Comprendente i seguenti bacini idrografici :
Tacina;
Magliacane;
Don Giacinto;
Crocchio.
 

ZONA IONICA CENTRALE

Comprendente i seguenti bacini idrografici :
Simeri;
Crocchio;
Uria;
Fegato;
Alli;
Fiumarella;
Corace;
Alessi.
 

ZONA IONICA MERIDIONALE

Comprendente i seguenti bacini idrografici:
Ancinale ;
Alaca;
Gallipari;
Guardavalle.
 

I PIANI DI INTERVENTO

Piano di interventi di difesa idrogeologica
Il Piano, complessivamente inteso, va a ripristinare le funzioni idrauliche ed idrogeologiche dei vari bacini attraverso interventi di tipo manutentivo, che valorizzino anche gli effetti esercitati dalle piante sulla stabilizzazione dei bacini ed in tal senso il programma va ripensato in maniera sinergica tra interventi di carattere ingegneristico ambientale ed interventi a carattere idraulico € forestale.
Il miglioramento della funzionalità idraulica dei suoli forestali sul territorio montano e collinare verrà effettuato tramite la forestazione secondo corrette pratiche silvocolturali, che devono integrarsi con la corretta disciplina dell€uso dei suoli.
Si intende intervenire, altresì, sui sistemi di raccolta delle acque sui sistemi naturali, privilegiando la conservazione della configurazione naturale dei reticoli idrografici ed , in particolare, quelli minori, dove vanno privilegiate azioni di ripristino e di rinaturalizzazione.
E€ da prevedere anche la realizzazione di parchi fluviali sulle aree a maggiore valenza ambientale. Si pensi ad esempio a quanto può proporsi per l€area Germaneto-Università e per il T. Fiumarella a Catanzaro. Negli interventi sono da prevedere le installazioni di avanzati sistemi di monitoraggio e di preallarme per ridurre al minimo i danni provocati al patrimonio naturale da eventi calamitosi naturali quali gli incendi, le piene, le frane, ecc...
In pratica, un sistema moderno di controllo e prevenzione di eventi eccezionali idrografici e possibili previsioni di frane ed eventi calamitosi con gravi e peggiori danni alle infrastrutture sul territorio, abitati, attività produttive (tra cui primariamente l€agricoltura), capannoni commerciali ed altro.